COVID-19: informazioni, strumenti, buone pratiche e raccomandazioni per gli operatori sanitari


27/10/2020
 Cosa trovi nella pagina:
#Sorveglianza COVID-19 in Italia
#Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia
#Flussi di dati a confronto
#Andamento epidemia in Toscana: report e dataset
#Gli studi interventistici per l’emergenza COVID-19
#Bibliografia COVID-19 per operatori: risorse free on line
#Prevenzione e terapie
#Prevenzione e controllo delle infezioni (IPC)
#Corsi di formazione per operatori sanitari
#Buone pratiche e raccomandazioni per gli operatori sanitari
#Gestione dello stress e supporto psicologico
#Stili di vita nell'emergenza da Covid-19
#Dipendenze e Covid-19
#Differenze di genere in Covid-19
#Indicazioni e raccomandazioni per categorie e gruppi di popolazione
#Indicazioni, raccomandazioni e protocolli per patologie e condizioni cliniche
#Diffusione e permanenza nuovo coronavirus sulle superfici e nell'aria
#Coronavirus, dimostrato il potere germicida dei raggi UV-C
#Coronavirus e inquinamento

#Provvedimenti normativi
#Misure di contenimento per Covid-19 in Europa
#news
#altri approfondimenti

In questo articolo raccogliamo informazioni, strumenti e raccomandazioni  utili per gli operatori sanitari, impegnati in prima linea nell'emergenza da Covid-19. Il riferimento principale rimane la sezione tematica Covid-19 - Operatori sanitari creata sul sito del Ministero della Salute.  

Consulta anche il numero speciale ISS per Covid-19  del Notiziario dell'Istituto superiore di sanità [Volume 33 Numero 3-4-5 Marzo-Aprile-Maggio 2020] dedicato all’attività svolta dall’ISS nell’ambito dell’emergenza legata alla pandemia del nuovo coronavirus COVID-19, dall’inizio dell’emergenza sino alla data di pubblicazione del numero.

Sorveglianza COVID-19 in Italia
Dal 28 febbraio l’Istituto superiore di sanità (ISS) coordina un sistema di sorveglianza che integra a livello individuale i dati microbiologici ed epidemiologici forniti dalle Regioni e Provincie Autonome (PA) e dal Laboratorio nazionale di riferimento per SARS-CoV-2 dell’ISS. I risultati di questa sorveglianza vengono pubblicati regolarmente su Epicentro.

Ogni giorno viene prodotta un’infografica dedicata (disponibile anche in inglese) che riporta – con grafici, mappe e tabelle – una descrizione della diffusione nel tempo e nello spazio dell’epidemia di COVID-19 in Italia e una descrizione delle caratteristiche delle persone affette.

Ogni martedì e venerdì viene pubblicato anche un bollettino che, in maniera più estesa, approfondisce le informazioni raccolte.

Consulta sul sito Epicentro dell'ISS la pagina Sorveglianza integrata COVID-19 per l'aggiornamento nazionale dei dati, con l'appendice con i dettagli regionali e l'infografica giornaliera di riepilogo.

---
Report di monitoraggio epidemiologico settimanale della fase due in Italia a cura dell'ISS
Consulta la nostra news di dettaglio:

tasto news iss
---
Il tracciamento dei contatti
Consulta il Rapporto ISS COVID-19 n. 59/2020Supporto digitale al tracciamento dei contatti (contact tracing) in pandemia: considerazioni di etica e di governance (versione settembre 2020) 

Il tracciamento dei contatti (Contact Tracing, CT) è uno strumento fondamentale di sanità pubblica per la prevenzione e il controllo della diffusione delle malattie trasmissibili da persona a persona.

Il CT digitale si avvale di contatti telematici e digitali, limitando i contatti personali fra gli operatori di sanità pubblica e i cittadini e utilizzando tecnologie di accesso a data base telematici e di rintracciamento di prossimità tramite Bluetooth o GPS. Le applicazioni mobili (“App”) scaricate su smartphone possono costituire un potente supporto tecnologico al CT. Il CT mediante App solleva molteplici problemi di etica rilevanti che coinvolgono varie aree: organizzazione dei servizi sanitari, sanità pubblica, medicina clinica, medicina sociale, epidemiologia, tecnologia, diritto e numerose altre aree. Tra i temi che si pongono vi sono: la proporzionalità delle informazioni raccolte, la volontarietà dell’uso, il consenso, l’informazione, le regole di gestione, la trasparenza del codice e dei risultati della sua diffusione, i criteri di cancellazione dei dati, la disponibilità gratuita di assistenza tecnica e sanitaria, l’anonimato, e numerosi altri. Nel rapporto si forniscono le informazioni necessarie per poter affrontare i temi di etica: sono inclusi elementi epidemiologici, di sanità pubblica, tecnologici, ingegneristici, giuridici. Il Gruppo di Lavoro evidenzia alcuni elementi cruciali sotto il profilo etico, che riguardano in particolare la valutazione dell’efficacia, la separazione dei dati personali dai dati relativi alla salute pubblica, la trasparenza, l’informazione, la dimensione solidaristica che deve improntare ogni azione di sanità pubblica.

torna all'indice


Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia
Fa parte del sistema di sorveglianza attivato dall'ISS anche l'analisi delle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a Covid-19. Consulta sul sito Epicentro la sezione Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia per leggere e scaricare l'ultimo rapporto disponibile: il rapporto aggiornato viene pubblicato in questa sezione il martedì e il venerdì.

Consulta anche:
- l'ultimo rapporto realizzato da ISS e ISTAT Impatto dell'epidemia Covid-19 sulla mortalità: cause di morte nei deceduti positivi a Sars-CoV-2 (aggiornamento: 16 luglio 2020). In base all’analisi condotta sulle schede di decesso, COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte 9 volte su 10. Età e concause preesistenti a Covid-19 costituiscono fattori di rischio per la gravità della malattia.

- il terzo rapporto ISTAT-ISS (aggiornamento: 9 luglio 2020) Impatto dell'epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente periodo gennaio-maggio 2020  per fornire una lettura integrata dei dati epidemiologici di diffusione dell’epidemia di COVID-19 e dei dati di mortalità totale acquisiti e validati da ISTAT. Per dettagli consulta anche la nostra news L’impatto COVID-19 sulla mortalità: gli ultimi aggiornamenti ISTAT e ISS.

torna all'indice


Flussi di dati a confronto
Altri flussi di dati stanno implementando il sistema di sorveglianza attivato dall'ISS e vanno via via offrendo ulteriori informazioni che possono contribuire alla migliore comprensione e descrizione della pandemia COVID-19 in Italia.

Nella sezione Flussi di dati a confronto sono resi disponibili i dati raccolti da diversi flussi di dati e viene promosso il confronto e l’integrazione. Al momento sono disponibili le sottosezioni:

PASSI e PASSI d’Argento per COVID-19
- Patologie croniche pregresse e mortalità con COVID-19

torna all'indice


Andamento epidemia in Toscana: report e dataset
Consulta i report che l'ARS Toscana produce ogni settimana per fotografare e seguire l'andamento dell'epidemia:

reportistica nuovo coronavirus final

Per maggiori dettagli sui casi toscani consulta anche la nostra piattaforma dati
banner banca dati ars coronavirus3

torna all'indice

Gli studi interventistici per l’emergenza COVID-19
In tutto il mondo, la pandemia da COVID-19 ha avuto un enorme impatto sulla ricerca clinica, con un’accelerazione e una semplificazione senza precedenti dei processi autorizzativi da parte delle Agenzie regolatorie e un aumento esponenziale delle sperimentazioni registrate sui database internazionali.

Dall’esigenza di avere una visione globale e critica delle sperimentazioni cliniche in corso è nato il progettoTrial Clinici” dell’Istituto superiore di sanità (ISS), che esegue la mappatura e il monitoraggio periodico di studi per la prevenzione e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2. I dati raccolti vengono presentati con un’infografica, periodicamente aggiornata, che propone in due diapositive separate la situazione nazionale e quella mondiale.

Per gli studi relativi a farmaci biologici, plasma da convalescenti o plasma iperimmune vengono consultate e integrate le informazioni pubblicamente accessibili:
- dal portale dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) – a cui è stato affidato il compito di valutare tutte le sperimentazioni cliniche sui medicinali per pazienti con COVID-19 (Decreto Legge Cura Italia Art. 17): vedi sezione Sperimentazioni cliniche Covid-19
- dal portale ClinicalTrials.gov del National Institutes of Health statunitense.

Per gli studi sui vaccini vengono consultate le informazioni pubblicamente accessibili dal sito web dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) alla pagina “Draft landscape of COVID-19 candidate vaccines” e dal portale della McMaster University “COVID-clinical trial-tracker”.

Consulta la sezione web Gli studi interventistici per l’emergenza COVID-19 sul sito Epicentro curato dall'Istituto superiore di sanità. 

torna all'indice

Bibliografia COVID-19 per operatori: risorse free on line 
Consulta gli aggiornamenti sul nostro portale NBST, cliccando sul bottone qui sotto:
tasto covid risorse operatori3
Un aggiornamento bibliografico delle pubblicazioni internazionali su Covid-19 è disponibile anche sul portale Epicentro alla pagina COVID-Contents

torna all'indice

Prevenzione e terapie
Per informazioni dettagliate, consulta i nostri approfondimenti (in continuo aggiornamento sul sito ARS Toscana):

Nuovo coronavirus: il punto sulle terapie in uso
- Nuovo coronavirus: il punto sui vaccini in sperimentazione


AIFA, info sui farmaci utilizzati e in sperimentazione
L'AIFA ha creato sul proprio sito la sezione Emergenza Covid-19 con tutte le informazioni più rilevanti sui farmaci. La sezione è organizzata nelle seguenti sottosezioni:

Aggiornamento sui farmaci utilizzabili per il trattamento della malattia Covid-19
Raccomandazioni sull'uso dei farmaci nella popolazione esposta al virus
Sperimentazioni cliniche
Programmi di uso compassionevole

Consulta anche il Rapporto sull'uso dei farmaci durante l'epidemia Covid-19. Anno 2020 (luglio 2020), che è stato predisposto per fornire un quadro completo e analizzare in dettaglio la tipologia di farmaci utilizzati per fronteggiare Covid-19, sia a livello ospedaliero che a livello territoriale, anche in considerazione delle decisioni regolatorie assunte dall’AIFA. 


Per altre info consulta anche:
- l'articolE' tempo di influenza e vaccino: ruolo della vaccinazione antinfluenzale nella prevenzione della diffusione di COVID-19 in Italia sul nostro portale NBST
- il nostro approfondimento L’utilizzo del plasma nel trattamento del paziente con infezione da SARS-CoV-2  sul sito ARS Toscana
- l'articolo COVID-19: il punto sulle terapie antivirali e su sperimentazione con plasma iperimmune. I principali trattamenti e i risultati preliminari sul nostro portale Infezioni Obiettivo Zero
- l'articolo Carenza di vitamina D possibile fattore di rischio per l'aggravamento di Covid-19? sul nostro portale NBST
- la news EMA crea il network per monitorare la sicurezza dei futuri vaccini COVID-19 tra cui ARS Toscana sul sito ARS Toscana

torna all'indice

Prevenzione e controllo delle infezioni (IPC)

tasto coronavirus IPC

torna all'indice

Corsi di formazione per operatori sanitari

tasto coronavirus corsi formazione operatori
torna all'indice

Buone pratiche e raccomandazioni per gli operatori sanitari

tasto coronavirus operatori buone pratiche

torna all'indice
Gestione dello stress e supporto psicologico
L’ISS, tramite il sito EpiCentro, dedica una sezione alla gestione dello stress in questa situazione di emergenza: consulta la sottosezione Covid-19: gestione dello stress fra gli operatori sanitari.

L'ISS ha anche recentemente pubblicato il Rapporto ISS COVID-19 n. 22/2020 Indicazioni ad interim per la gestione dello stress lavoro-correlato negli operatori sanitari e socio-sanitari durante lo scenario emergenziale SARS-COV-2 Allegato.

Consulta la news  I segni non fisici di Covid-19 sugli operatori sanitari: disagio psicologico, ansia, disordini post-traumatici, sintomi depressivi, insonnia, burnout...  sul nostro portale NBST

torna all'indice

Stili di vita nell'emergenza da Covid-19

tasto coronavirus stili vita

torna all'indice
Dipendenze e Covid-19

tasto coronavirus dipendenze final


torna all'indice

Differenze di genere in Covid-19

tasto coronavirus differenze genere
torna all'indice

Indicazioni e raccomandazioni per gruppi di popolazione

tasto coronavirus gruppi popolazione
torna all'indice

Indicazioni, raccomandazioni e protocolli per specifiche patologie e condizioni cliniche
Gli ordini professionali medici, le principali società scientifiche e associazioni professionali hanno stilato e stanno stilando indicazioni, raccomandazioni e protocolli per specifiche patologie e condizioni cliniche: dai pazienti oncologici, diabetici, ipertesi, ai pazienti in dialisi, epatopatici, a coloro che sono in attesa di trapianto o necessitano di trasfusioni.

Per tutti gli aggiornamenti consulta:
- la news Coronavirus: indicazioni, raccomandazioni e protocolli per specifiche patologie e condizioni cliniche sul nostro portale NBST, che viene costantemente aggiornata
- la sottosezione Indicazioni per patologie specifiche all'interno della sezione Covid-19 - Operatori sanitari a cura del Ministero della salute

Per un focus sulle malattie croniche pregresse e Covid-19 consulta la sezione Il ruolo delle patologie croniche pregresse nella prognosi dei pazienti COVID-19 sul sito Epicentro.

torna all'indice 

Diffusione e permanenza nuovo coronavirus sulle superfici e nell'aria

tasto coronavirus diffusione permanenza superfici ariatorna all'indice


Coronavirus, dimostrato il potere germicida dei raggi UV-C

tasto coronavirus potere germicida raggi uvc

torna all'indice


Coronavirus e inquinamento

tasto coronavirus inquinamento

torna all'indice


Provvedimenti normativi
Circolari e ordinanze del Ministero della salute, atti del Governo.Tutti gli atti emanati per fronteggiare l'emergenza da Covid-19 possono essere consultati alle pagine:
Decreti, delibere e ordinanze Regione Toscana.Accedi a tutti gli atti consultando la pagina Covid-19 in Toscana: decreti, delibere e ordinanze sul sito del Network bibliotecario sanitario toscano (NBST).

torna all'indice

Misure di contenimento per Covid-19 in Europa

tasto coronavirus misure contenimento Europa
torna all'indice

#news
Emergenza Covid, in arrivo 500 nuovi operatori per il tracciamento dei positivi e dei loro contatti
Per potenziare la filiera della tracciabilità dei contatti dei casi positivi al coronavirus e contrastare la diffusione dei contagi, sono in arrivo 500 nuovi operatori. Lo hanno annunciato il presidente della Toscana, Eugenio Giani, e il neo assessore alla sanità, Simone Bezzini, nel corso della conferenza stampa, che si è tenuta il 27 ottobre 2020 per fare il punto complessivo sull’emergenza Covid.

I 500 nuovi addetti per il tracciamento, che saranno assunti per dare man forte a chi è già in prima linea nel tracciare casi positivi e loro contatti, che condizionano l’andamento quotidiano della curva epidemiologica, saranno così distribuiti: 150 saranno assegnati alla Asl Nord Ovest, altrettante 150 unità alla Sud Est e 200 alla Centro. In particolare, saranno reclutati studenti degli ultimi anni di medicina e infermieristica tramite un’intesa tra Regione e Università della Toscana e verrà reclutato anche personale messo a disposizione dalla Protezione civile nazionale, che sta facendo dei corsi di selezione. 

Giani e Bezzini precisano che contemporaneamente la Regione Toscana è già al lavoro per reperire gli spazi dove allestire le postazioni delle centrali di tracciamento per l’arrivo dei rinforzi: c'è molto da organizzare e da gestire in tempi rapidi, come anche la formazione dei nuovi addetti per il tracciamento. Per altri dettagli consulta anche il comunicato regionale.


Limite a visite in ospedale, potenziamento di alberghi sanitari, Usca e centrali di tracciamento, test antigenici rapidi alle Rsa, ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia
L'ordinanza n. 96 del 24 ottobre 2020 prevede nuove disposizioni in ambito sanitario per fronteggiare l’aumento dei nuovi contagi. 

Limite alle visite negli ospedali: solo i pazienti particolarmente fragili potranno essere visitati dai parenti per tempi molto contenuti.

Centrali operative di coordinamento delle attività sanitarie: vengono attivate nelle tre Asl per un uso ottimale di tutte le risorse, ospedaliere e territoriali (vedi anche Allegato C - Piano di emergenza ospedaliera per ripresa epidemia Covid).

Alberghi sanitari: le Asl dovranno reperire fino ad almeno 1500 camere in strutture ricettive alberghiere da destinare alla funzione di albergo sanitario fino alla fine di dicembre, con possibilità di prosecuzione.

Usca: dovranno essere attivate subito 30 unità Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) per la gestione dei casi Covid positivi a domicilio o presso alberghi sanitari.

Centrali di tracciamento: si realizzano centrali di tracciamento in grado di garantire questa funzione per tutti i nuovi casi del giorno, e i loro contatti per ordinare la eventuale quarantena. Per fare questo si prevede il reclutamento di personale medico anche proveniente dagli ultimi due anni dei corsi universitari (vedi anche: Allegato A - Indicazioni operative per il contact tracing).

Test antigenici rapidi: le Asl forniranno test antigenici rapidi alle Rsa, ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia, Estar assicurerà la fornitura per 50mila test ogni settimana (vedi anche: Allegato B - Distribuzione test antigenici). 

Covid-19, cambiano le indicazioni per isolamento, quarantena e tamponi
In considerazione dell’evoluzione della situazione epidemiologica, delle nuove evidenze scientifiche, delle indicazioni provenienti da OMS ed ECDC e del parere formulato dal Comitato tecnico-scientifico l'11 ottobre 2020, la nuova
Circolale del ministero della Salute del 12 ottobre 2020aggiorna le indicazioni riguardo la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena e le indicazioni per l'esecuzione dei tamponi. La circolare fornisce le nuove linee guida per gestire il rientro in comunità delle varie tipologie di caso:

casi positivi asintomatici = 10 giorni di isolamento dalla comparsa della positività + un test molecolare (tampone) negativo
casi positivi sintomatici = 10 giorni di isolamento dalla comparsa dei sintomi, di cui almeno 3 giorni senza sintomi  (non considerando fra i sintomi anosmia [perdita olfatto] e ageusia/disgeusia [perdita gusto o gusto alterato], che possono avere una prolungata persistenza nel tempo) + un test molecolare (tampone) negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi 
casi positivi a lungo termine = in assenza di sintomi da almeno una settimana, possono interrompere l'isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi anche se continuano a risultare positive al test molecolare (tampone).
contatti stretti asintomatici = quarantena di 14 giorni dall'ultimo contatto con un caso positivo oppure quarantena 10 giorni dall'ultimo contatto + un test antigenico o molecolare (tampone) effettuato il decimo giorno

Nella circolare si raccomanda inoltre di:
  • eseguire il test molecolare (tampone) a fine quarantena a tutte le persone che vivono o entrano in contatto regolarmente con soggetti fragili e/o a rischio di complicanze
  • prevedere accessi differenziati al test per i bambini
  • non prevedere né la quarantena, né l’esecuzione di test diagnostici ai "contatti stretti" di contatti stretti di un caso confermato (ovvero quando non vi sia stato nessun contatto diretto con il caso confermato), a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici o nel caso in cui, in base al giudizio delle autorità sanitarie, si renda opportuno uno screening di comunità
Il punto sulla pandemia, dalla prima fase ai possibili scenari futuri in vista anche del virus influenzale: tutti gli strumenti a disposizione della sanità pubblica nel rapporto congiunto ISS e Ministero della Salute
E’ una vera e propria “cassetta degli attrezzi” la nuova pubblicazione dell’ISS e del Ministero della Salute  pubblicata in vista anche della stagione influenzale in cui è prevista la co-circolazione del virus SARS-CoV-2 e di virus influenzali stagionali. I due virus presentano infatti una sintomatologia simile e richiedono una conferma di laboratorio per accertare la diagnosi differenziale. Diventa quindi estremamente importante il monitoraggio concomitante di casi di infezione da SARS-CoV-2 e da virus influenzali e la realizzazione di test diagnostici molecolari multipli. Proprio con questo obiettivo l’ISS ha avviato l’integrazione nel sistema InfluNet della sorveglianza COVID-19, con richiesta ai laboratori della Rete InfluNet di testare sistematicamente i tamponi pervenuti oltre che per virus influenzali anche per il virus SARS-CoV-2.

Questo documento ha l’obiettivo di rafforzare il coordinamento dei sistemi sanitari regionali e la pianificazione nazionale per fronteggiare un eventuale aumento nel numero di nuove infezioni da SARS-CoV-2. Si prevedono 4 diversi scenari possibili nella stagione autunno-inverno 2020- 2021. Consulta anche la news ISS.

Contagi sul lavoro da Covid-19 per categorie e territori
L’Inail pubblica i dati relativi agli effetti dei contagi da Covid-19 nei luoghi di lavoro (monitoraggio al 31 agosto 2020). Per tutti i dettagli, consulta la news sul sito web Regioni.it: allegate anche la scheda nazionale e le schede regionali dei dati. 

Covid-19, i risultati dell'indagine di sieroprevalenza in Italia
Il 3 agosto presso il Ministero della Salute sono stati presentati i risultati dell'indagine di sieroprevalenza condotta dal Ministero della Salute e dall'Istat, con la collaborazione della Croce Rossa italiana. Secondo la ricerca il 2,5% degli italiani  - cioè un milione e 482mila persone - è entrato in contatto con il virus. Forte la differenza territoriale, che conferma la Lombardia al primo posto per numero di persone positive al virus (7,5%), mentre tutte le Regioni del Sud sono al di sotto dell'1%. I lavoratori della sanità risultano i più colpiti, con differenze regionali. La trasmissione intra-familiare è stata molto elevata, ma adottando le misure di precauzione, il contagio non avviene, come è accaduto per il 60% della popolazione, che ha avuto familiari conviventi con Covid-19. Elevata la presenza di asintomatici (27,3%), dato che sottolinea l'importanza di seguire le regole di prevenzione raccomandate. 

L'indagine è stata avviata a partire dal 25 maggio, per capire quante persone nel nostro Paese avessero sviluppato gli anticorpi al nuovo coronavirus, anche in assenza di sintomi, ed è stata condotta su un campione di 150mila persone residenti in 2mila comuni, distribuite per sesso, attività e sei classi di età.

Per approfondire: 
- consulta la news sul sito del Ministero della salute, con tutti i documenti dell'indagine e il video della conferenza stampa di presentazione
- consulta e scarica le slide e il report con i primi risultati dell’indagine di sieroprevalenza SARS-CoV-2

Evoluzione del genoma di Sars-CoV-2: l'origine di nuovi ceppi virali
Il virus Sars-CoV-2, come tutti i virus ad RNA, è caratterizzato da un elevato tasso di mutazione, fino a un milione di volte superiore a quello dell’uomo. I risultati dell'analisi delle sequenze genomiche (lavoro recentemente pubblicato su Journal of Traslational Medicine). suggeriscono che il virus stia evolvendo rapidamente e che potrebbero coesistere ceppi europei, nordamericani e asiatici, ciascuno caratterizzato da un diverso modello mutazionale. Leggi l'approfondimento sul nostro portale Infezioni Obiettivo Zero. 

Dall'ISTAT indicazioni per la certificazione dei decessi Covid-19
L'Istituto nazionale di statitstica ha pubblicato il documento con le indicazioni ed alcuni esempi per la corretta compilazione della scheda di morte. L'Istat specifica che è importante riportare sempre l’informazione, confermata o sospetta, della presenza di COVID-19 e descrive come riportare la COVID-19, nel caso in cui sia probabilmente la causa iniziale di morte o nel caso in cui si ritienga che il Covid-19 non abbia causato direttamente il decesso. L'Istat riporta anche le categorie dell'ICD-10 introdotte dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per la classificazione della Covid-19: consulta la pagina Istat.

torna all'indice
Altri approfondimenti
Consulta tutte le nostre news e i nostri approfondimenti tematici alla pagina:

banner news articoli coronavirus arstoscana

torna all'indice




Per approfondire

Per le ultime news e tutti gli approfondimenti:

box sezione tematica nuovo coronavirus