Coronavirus: come, dove e quando fare tamponi molecolari, antigenici rapidi e test sierologici


10/9/2021

Cosa trovi in questa pagina:
♦ I test attualmente disponibili per rilevare l'infezione da SARS-CoV2
♦ Ultime indicazioni del Ministero della Salute e dell'ISS sull'esecuzione dei test
♦ Quando è necessario sottoporsi a tampone dopo un viaggio all'estero
♦ Test sierologici e tamponi: le regole in Toscana
♦  Per approfondire


I test attualmente disponibili per rilevare l'infezione da SARS-CoV-2
Attualmente sono disponibili i seguenti test:

› Test molecolari
Permettono di rilevare, mediante tampone naso/oro-faringeo, la presenza di materiale genetico (RNA) del virus (attraverso il metodo RT-PCR) e quindi per diagnosticare l’infezione in atto

È il principale e più affidabile strumento diagnostico perché ha un altissimo grado di sensibilità e specificità, cioè un’elevata capacità di identificare gli individui positivi al virus (in modo che ci sia il minor numero possibile di falsi positivi) e un'altrettanto elevata capacità di identificare correttamente coloro che non hanno la malattia. Il test molecolare è la prima scelta in caso di caso sospetto sintomatico, in caso di contatto stretto di caso confermato che manifesta sintomi, negli screening degli operatori sanitari, nei soggetti a contatto con persone fragili o per l’ingresso in comunità chiuse.

L’esito di questo tampone si ottiene mediamente in tre/sei ore

› Test antigenici rapidi
Permettono di evidenziare rapidamente (30-60 min), mediante tampone nasale, naso/oro-faringeo, salivare, la presenza di componenti (antigeni) del virus. 

In alcuni contesti è indicato ricorrere a  test antigenici rapidi che, oltre essere meno laboriosi e costosi, possono fornire i risultati in tempi molto rapidi (30-60 minuti), non hanno bisogno di personale specializzato e sono eseguibili anche in modo delocalizzato, consentendo di accelerare le misure previste.

A differenza dei test molecolari, i test antigenici rilevano la presenza del virus non tramite il suo acido nucleico (RNA) ma tramite le sue proteine (antigeni): per questo comunemente viene anche chiamato test antigenico. L’affidabilità non è ancora paragonabile a quella dei test molecolari: nei casi in cui il test rapido dovesse risultare positivo può essere necessario averne la conferma tramite il tampone molecolare, specialmente in assenza di un link epidemiologico.

test antigenici rapidi di ultima generazione hanno dimostrato di avere sensibilità e specificità quasi sovrapponibile al test molecolare e e, sulla base dei dati al momento disponibili, risultano essere una valida alternativa al test molecolare. Qualora le condizioni cliniche del paziente mostrino delle discordanze con il test di ultima generazione, il test molecolare rimane comunque il "gold standard" per la conferma di Covid-19.

› Test sierologici
Rilevano l’esposizione al virus, evidenziando la presenza di anticorpi contro il virus, ma non sono in grado di confermare o meno un'infezione in atto.

I test sierologici individuano dunque la presenza di anticorpi nel sangue che si  generano nel caso una persona sia entrata in contatto con il coronavirus. I test sierologici rilevano pertanto l’esposizione al virus SARS-COV- 2 ma non sono in grado di confermare o meno se l'infezione è ancora in atto o meno. Pertanto i risultati dei test sierologici devono essere confermati dal tampone oro-faringeo per verificare se l'infezione è ancora in corso: il test per la conferma della malattia è attualmente a carico del Sistema sanitario nazionale ed è organizzato dalla ASL o dall’ospedale. 

Il test sierologico non è peraltro dirimente per la diagnosi di infezione in atto, in quanto l’assenza di anticorpi non esclude la possibilità di un’infezione in fase precoce, con relativo rischio che un individuo, pur essendo risultato negativo al test sierologico, risulti contagioso.

Come da circolare del Ministero della Salute n. 16106 del 9 maggio 2020, “ la qualità e l’affidabilità di un test dipendono in particolare dalle due caratteristiche di specificità e sensibilità, e pertanto, sebbene non sussistano in relazione ad esse obblighi di legge, è fortemente raccomandato l’utilizzo di test del tipo CLIA e/o ELISA che abbiano una specificità non inferiore al 95% e una sensibilità non inferiore al 90%, al fine di ridurre il numero di risultati falsi positivi e falsi negativi. Al di sotto di queste soglie, l’affidabilità del risultato ottenuto non è adeguata alle finalità per cui i test vengono eseguiti". 

torna all'indice

Ultime indicazioni del Ministero della Salute e dell'ISS sull'esecuzione dei test
Sotto sono riportati gli ultimi aggiornamenti. 

› Uso dei test molecolare e antigenico su saliva ad uso professionale per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2: la circolare del 14 maggio 2021 del ministero della Salute
Il campione di saliva può essere considerato un'opzione per il rilevamento dell’infezione da SARSCoV-2 qualora non sia possibile ottenere tamponi oro/nasofaringei. 

In particolare, il test con saliva può essere impiegato per:

  • Testing di individui sintomatici: entro i primi cinque giorni dall'inizio dei sintomi
  • Screening di individui asintomatici: in individui asintomatici sottoposti a screening ripetuti per motivi professionali o di altro tipo, oppure in individui molto anziani e disabili
  • Testing nei bambini: strumento utile per il monitoraggio e il controllo dell'infezione in ambito scolastico, anche se i dati sull'uso della saliva in pazienti pediatrici sono limitati
Per maggiori dettagli, consultare la circolare 14 maggio 2021

torna all'indice

Quando è necessario sottoporsi a tampone al rientro da un viaggio all'estero  
Consulta la nostra news:
banner viaggiare sicuri coronavirus

torna all'indice

Test sierologici e tamponi: le regole in Toscana
› Tamponi e test rapidi: 
si prenotano on line sul portale unico regionale

› Test sierologici:
si prenotano tramite CUP

› Portale referti Covid:
sul portale toscano Referti Covid è possibile consultare i referti solo dei tamponi rapidi; quelli rapidi non producono un referto, tuttavia l'esito degli stessi è visualizzabile anche dal medico curante, per le opportune azioni conseguenti

torna all'indice

Per approfondire
Consulta anche:
torna all'indice



Per approfondire

box sezione tematica nuovo coronavirus