Area riservata | Dove siamo | Mappa del sito | Contatti | Webmail | Accessibilità |

News

Una rete sociale per l’Alzheimer: ARS organizza 3 giornate dedicate ad Alzheimer e Demenza



Programma Arezzo07/03/2017
Tre giornate
per costruire una comunità consapevole e combattere lo stigma che caratterizza la Demenza

16 marzo, ore 15.00 - Centro sociale Arno, via dei Tiratoi, Capolona (AR)
17 e 18 marzo, ore 9.00-13.30 - Auditorium Pieraccini, Ospedale S. Donato, Via Pietro Nenni, Arezzo

ARS, in collaborazione con AIMA, CESVOT e ANCI Toscana organizza 3 giornate dedicate al tema dell'Alzheimer, e più in generale della Demenza al fine di:
  • diffondere tra le persone anziane in condizione di fragilità stili di vita che favoriscano il mantenimento delle facoltà cognitive e contrastino lo sviluppo della Demenza
  • promuovere l'adeguamento dei servizi ai bisogni dei malati e delle famiglie
  • raccogliere testimonianze di malattia
  • avviare un percorso di costruzione di una Rete sociale per la Demenza
La Demenza pone con forza l'esigenza di una profonda innovazione del modello organizzativo della rete dei servizi. Far fronte ai bisogni del malato e della sua famiglia richiede infatti interventi sanitari e sociali integrati e un'efficiente integrazione ospedale-territorio.
Inoltre, nell'impegno del quotidiano lavoro di cura, i familiari del malato vedono gravemente compromessa la loro qualità di vita, sia per difficoltà oggettive, incontrate nelle frequenti criticità del decorso della malattia, sia per i vissuti soggettivi di malattia. Per loro nascono problemi di conciliazione tra lavoro di cura e vita lavorativa, difficoltà nel vivere le relazioni personali e sociali, che possono portarli a pesanti forme di auto-isolamento.
Il Progetto si propone di avviare un percorso di diffusione di conoscenza e condivisione sociale, che porti la comunità a essere inclusiva rispetto ai bisogni del malato e della sua famiglia, a diventare "Amica dell'Alzheimer".
Gli incontri, patrocinati dalla Regione Toscana, sono rivolti ad anziani in condizione di fragilità, ai loro familiari, agli operatori del settore socio sanitario e alle autorità.

Per approfondire: