Area riservata | Dove siamo | Mappa del sito | Contatti | Webmail | Accessibilità |

News

Epicentro - Near miss ostetrici: parte la seconda raccolta dati



gravidanza news 208/11/2017
Dal 1 novembre 2017 la Toscana partecipa a un nuovo progetto dell'Istituto superiore di Sanità (ISS): "Near miss ostetrici in Italia: la sepsi, l'eclampsia, l'embolia di liquido amniotico e l'emoperitoneo spontaneo in gravidanza".

Si tratta di un progetto finanziato dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) del Ministero della Salute, coordinato dalla Regione Lombardia, e fa parte delle attività del sistema di sorveglianza della mortalità materna ISS-Regioni ItOSS (Italian Obstetric Surveillance System).

Oltre alla Toscana vi partecipano altre 8 regioni (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia) con 316 presidi ospedalieri pubblici e privati dotati di reparto di ostetricia, arrivando a coprire il 75% dei nati del Paese.
L'Organizzazione mondiale della Sanità definisce near miss ostetrico il caso di una donna che "sarebbe deceduta ma che è sopravvissuta alle complicazioni insorte durante la gravidanza, il parto o entro 42 giorni dal termine della gravidanza stessa". Il near miss rappresenta quindi un successo terapeutico che, attraverso procedure di audit e revisione critica dei percorsi assistenziali, permette di identificare e correggere le eventuali criticità cliniche e/o organizzative suscettibili di miglioramento.

In Europa è stato stimato che gli eventi morbosi gravi correlati al percorso nascita sono compresi tra 9 e 16 casi ogni 1.000 parti.
Nel 2014, l'ISS aveva condotto uno studio prospettico population-based in 6 regioni italiane, tra cui la Toscana, sui near miss emorragici che ha permesso di calcolare i primi tassi di incidenza di emorragia grave del post partum, placentazione anomala invasiva, rottura d'utero e isterectomia.

Questa seconda indagine riguarderà quattro nuove condizioni cliniche: sepsi, eclampsia, embolia di liquido amniotico ed emoperitoneo spontaneo.
In base ai dati del sistema di sorveglianza della mortalità materna, la sepsi e l'eclampsia rientrano tra le principali cause di morte materna, ed è urgente per entrambe le condizioni disporre di dati italiani che facilitino il miglioramento della qualità assistenziale.

I dati relativi all'embolia di liquido amniotico e all'emoperitoneo spontaneo consentiranno di partecipare a uno studio multicentrico, coordinato dalla Rete di sorveglianza ostetrica internazionale INOSS (International Network of Obstetric Survey System). Si tratta, infatti, di condizioni troppo rare per permettere di raccogliere un numero di casi sufficiente per un'analisi statistica che faccia riferimento ai soli dati raccolti in Italia.


Per maggiori informazioni: