Area riservata | Dove siamo | Mappa del sito | Contatti | Webmail | Accessibilità |

Bambini



L’Agenzia regionale di sanità effettua indagini riguardanti la salute dei bambini e l'assistenza sanitaria a loro rivolta in collaborazione con l'Unità di epidemiologia dell'Azienda ospedaliero universitaria Meyer. Le attività riguardano l'utilizzo dei dati correnti (ad es. schede di dimissione ospedaliera), indagini epidemiologiche mirate ai gruppi a rischio, quali i nati gravemente pretermine, la valutazione di interventi di prevenzione e di educazione sanitaria in epoca neonatale o pediatrica (allattamento al seno, Sudden Infant Death Syndrome - SIDS).


La salute dei bambini in Toscana

Immagine Patologie e ricoveriCome per altre regioni italiane, anche in Toscana il numero di nuovi nati, in crescita fino al 2008, dal 2010 presenta una importante flessione: nel 2014 i nati sono stati 29.454, un dato che ci riporta al lontano 2003. I parti plurimi sono il 3,5% del totale. I nati pretermine (<37 settimane) o di basso peso (<2.500 grammi) sono rispettivamente il 6,7% e il 6,6% dei nati, entrambi in lieve diminuzione nell’ultimo anno.
La natimortalità è stabile, con un numero di nati morti di 2,54 per 1.000 nati vivi nel triennio 2012-2014.




Leggi tutto...

TIN Toscane on-line e trasporti protetti neonatali

immagine TIN toscane on-line e trasporti protetti neonataliI neonati gravemente pretermine (età gestazionale inferiore alle 32 settimane o peso alla nascita inferiore o uguale a 1500 grammi) rappresentano una popolazione numericamente piccola (1,2% dei nati) ma a elevato rischio di mortalità e morbosità a breve, medio e lungo termine.

Dal 1 gennaio 2009 è attivo l’archivio TIN (terapie intensive neonatali) Toscane on-line, che raccoglie su una piattaforma web i dati sui neonati gravemente prematuri nati in tutti i punti nascita della Toscana, grazie alla collaborazione tra l’Azienda ospedaliero universitaria Meyer e l’Agenzia regionale di sanità, oltre che all’impegno costante di molti operatori sanitari (delibera n. 912 del 3 dicembre 2007). Dal 2015 TIN Toscane on-line è parte di un network internazionale (iNeo-International Network for Evaluation of Outcomes in Neonates), il cui scopo è di confrontare i dati di diversi archivi e di migliorare la qualità delle cure per questa particolare tipologia di neonati.

b_230_325_16777215_00_files_aree_intervento_button_focus_multi2.png

Vaccinazioni, allattamento al seno e prevenzione della SIDS

immagine Allattamento al seno e prevenzione della SIDSSono tre temi importanti per promuovere la salute infantile.

Le vaccinazioni, che hanno rappresentato un cardine per la sconfitta di malattie mortali o grandemente invalidanti, vedono un calo di copertura in molte regioni italiane e paesi europei.
Negli ultimi 4 anni si è osservato anche in Toscana un trend in lieve discesa per poliomelite, tetano, difterite, antiepatite B, che raggiungono nell’ultimo anno considerato (2013 per la copertura a 24 mesi) una copertura del 95,8 %; per morbillo, parotite, rosolia, il tasso da sempre più basso si attesta al 90%. Per gli altri vaccini di cui sono disponibili i dati (copertura a 24 mesi nel 2013 ), la copertura è: del 95.6% per Haemophilus influenzae; del 94 % per pneumococco, del 90,2% per meningococco C, del 77,6% per varicella. Infine la copertura vaccinale per papilloma virus (HPV), che viene offerta in modo gratuito dal 2008 alle bambine nel 12° anno di vita, è del 75,8%.

Dal 2004 la Regione Toscana ha inoltre messo in atto iniziative per favorire l’allattamento al seno e la prevenzione della Sudden Infants Death Syndrome (SIDS), ovvero la morte improvvisa e inspiegabile di un bambino entro il primo anno di vita.

b_230_325_16777215_00_files_aree_intervento_button_focus_multi2.png