Area riservata | Dove siamo | Mappa del sito | Contatti | Webmail | Accessibilità |

News

Cosa sanno i giovani delle infezioni sessualmente trasmissibili? Lo studio CENSIS e il confronto con i dati toscani



fotolia 39712746 mts20/02/2017
Ogni anno, nel mondo, vi sono 340 milioni di nuovi casi di Infezioni sessualmente trasmesse (IST). Le forme più conosciute sono l’infezione da Chlamydia trachomatis, da Neisseria Gonorrhoea, dovuta al batterio Treponema pallidum (sifilide) e le forme virali come quella dovuta all’Herpes virus di tipo II (Herpes genitale), l’infezione da Human Papilloma virus (HPV) quella da Hepatitis B virus (HBV) e da Human immunodeficiency virus (HIV).

Ciò che spesso viene sottovalutato è che un numero sempre più elevato di IST si registra nella popolazione giovanile. In Europa quasi il 70% delle infezioni da Chlamydia è riportato nei giovani di età compresa fra i 15 e i 24 anni, così come il 37% delle infezioni da N. Gonorrhoea. A queste seguono l’infezione da HBV con circa il 15% delle infezioni contratte prima dei 25 anni, il 14% dei casi di sifilide nella fascia di età compresa fra i 15 e i 25 anni e l’11% dei casi di HIV.
Nonostante le IST siano molto diffuse fra i giovani, la loro conoscenza in questa fascia di età è molto scarsa.

In Italia, secondo quanto pubblicato dal Centro Studi Investimenti Sociali (CENSIS) nel rapporto Conoscenza e prevenzione del Papilloma virus e delle patologie sessualmente trasmesse tra i giovani in Italia, svolto su un campione rappresentativo di giovani italiani di età compresa fra i 12 e i 24 anni, soltanto il 15,3% si considera molto informato su questo tema.
Anche se il 43% dichiara di aver avuto rapporti sessuali completi, la distinzione fra metodi contraccettivi e metodi di prevenzione dalle IST non appare del tutto chiara. Il 70,7% indica il profilattico come metodo per prevenire le infezioni ma il 17,6% vi colloca erroneamente anche la pillola anticoncezionale così come il coito interrotto (13,2%) e la pillola del giorno dopo (3,4%). Tutti sembrano aver sentito parlare di IST ma andando ad approfondire la loro conoscenza, quasi la totalità menziona l’AIDS (89,6%). Soltanto il 23,1% conosce la sifilide, 15,6% l’HPV e circa il 12% menziona la gonorrea, le epatiti e l’herpes genitale. Soltanto il 6,2% conosce la Chlamydia

I dati Toscani provenienti dallo studio EDIT 2015 confermano i risultati dello studio nazionale e sottolineano la necessità di attivare campagne d’informazione efficaci rivolte soprattutto alla popolazione giovanile.
Il 41,6% dei ragazzi di età compresa fra i 14 e i 19 anni ha già avuto un rapporto sessuale completo ma soltanto il 56,3% utilizza il profilattico (l’uso del profilattico si è ridotto di 9 punti percentuali nel corso degli ultimi 7 anni). I ragazzi, quindi, non sembrano “temere” le IST e questo risulta ancora più vero all’aumentare dell’età e soprattutto nel genere femminile dove, fra le diciannovenni, solo il 34,6% dichiara di usare il profilattico. Anche in Toscana il 94,6% dei ragazzi si dichiara informato sulle IST ma, chiedendo loro di indicare le vie di trasmissione, le risposte mostrano la presenza di pregiudizi e imprecisioni che hanno dominato l’informazione in anni passati (Tabella 1). Infatti, anche se il’89,2% ritiene il mancato uso del profilattico come la principale modalità di trasmissione, il 34,2% vede la convivenza come un fattore di rischio così come il bacio (16,8%) o, addirittura, la donazione di sangue (33,4%).

Tabella 1 - Modalità di trasmissione (%)* delle IST secondo i ragazzi toscani di età compresa fra i 14-19anni (EDIT, 2015)

Modalità di trasmissione delle IST

Sì (%)

Vivere con una persona affetta da questo tipo di malattie

34,2

L’uso comune di piatti, posate e bicchieri

13,4

Rapporto sessuale senza l’uso profilattico

89,2

Rapporti orali con eiaculazione

39,9

Donare il proprio sangue

33,4

Scambiarsi abiti e biancheria intima

17,4

Rapporto sessuale con l’uso del profilattico

4,4

Baciarsi

16,8

Abbracciarsi

1,2

* Analisi a risposta multipla




Età

Sesso

Utilizzo di metodi contraccettivi

<=14

15

16

17

18

>=19

Maschi

Nessun anticoncezionale

17,7

14,6

14,6

13,8

10,8

17,2

Profilattico

78,7

72,8

75,1

70,9

63,4

62,6

Pillola anticoncezionale

20,4

19,0

17,7

17,4

27,9

22,5

Coito interrotto

5,9

10,0

8,5

9,2

11,7

13,0

Altro

2,9

7,6

5,4

3,6

4,1

5,9

Femmine

Nessun anticoncezionale

14,9

11,1

13,1

16,9

15,0

22,0

Profilattico

74,3

73,1

57,4

53,1

51,2

33,3

Pillola anticoncezionale

11,9

11,4

18,0

30,8

28,6

38,4

Coito interrotto

7,4

12,1

14,7

10,4

13,7

15,3

Altro

0,0

7,5

9,5

2,7

4,1

6,9

Totale

Nessun anticoncezionale

16,8

13,0

13,9

15,3

13,0

19,5

Profilattico

77,3

73,0

66,8

62,1

57,0

48,4

Pillola anticoncezionale

17,7

15,5

17,9

24,0

28,2

30,2

Coito interrotto

6,4

11,0

11,4

9,8

12,7

14,1

Altro

2,0

7,6

7,3

3,2

4,1

6,4


Per approfondire: