Ospedale

Le vaccinazioni negli operatori sanitari



vaccineNel Piano nazionale Prevenzione vaccinale 2017-2019 si legge: "Operatori sanitari: per gli operatori sanitari un adeguato intervento di immunizzazione è fondamentale per la prevenzione e il controllo delle infezioni (anti-epatite B, anti-influenzale, anti-morbillo, parotite, rosolia (MPR), anti-varicella, anti-pertosse). Nella maggior parte dei casi, l'immunizzazione attiva riveste un ruolo non soltanto di protezione del singolo operatore, ma soprattutto di garanzia nei confronti dei pazienti, ai quali l'operatore potrebbe trasmettere l'infezione determinando gravi danni e persino casi mortali. Anche per gli studenti dei corsi di laurea dell'area sanitaria sono fortemente raccomandate le medesime vaccinazioni indicate per gli operatori sanitari".
Dispiace constatare che queste indicazioni sono frequentemente disattese.
È ormai noto che nel 2017, verosimilmente a causa di un calo della copertura vaccinale, si è verificato un incremento del numero dei casi morbillo in Italia. L'Istituto superiore di Sanità redige un bollettino settimanale e da quello del 28 giugno, relativo al periodo 1/1/17-25/6/17, si evincono i seguenti dati:
  • 3.232 casi segnalati dall'inizio dell'anno di cui 2 decessi
  • quasi tutte le Regioni (18/21) hanno segnalato casi, ma il 90% proviene da 7: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia
  • l'88% dei casi era non vaccinato e il 7% ha ricevuto solo una dose di vaccino
  • l'età mediana dei casi pari a 27 anni. La maggior parte dei casi (73%) è stata segnalata in persone di età maggiore o uguale a 15 anni; 192 casi avevano meno di un anno di età
  • 246 casi segnalati tra operatori sanitari (OS)
Essendo il morbillo una malattia estremamente contagiosa, gli OS che hanno acquisito l'infezione l'hanno anche molto probabilmente trasmessa a pazienti e familiari di pazienti. Nel corso del 2017, visto il numero di casi tra gli OS, in molti centri è stato condotto uno screening sierologico con offerta del vaccino ai non immuni. Vedremo se in futuro questo approccio diventerà sistematico.
Se passiamo alla vaccinazione antiinfluenzale il quadro è ben peggiore. In un recente studio condotto a Firenze all'Ospedale Careggi su 2.576 OS risultava che solo il 12,3% si vaccinava regolarmente: il 35,3% dei medici, il 9,1% degli infermieri, l'11,8% degli operatori sociosanitari.
Nel grafico sottostante i risultati di un'indagine, condotta nel 2010 tra gli OS dell'ex AUSL di Ravenna, volta a chiarire le motivazioni della mancata vaccinazione per influenza tra gli OS.

fig vaccinaz tagliaferri

La mancata vaccinazione degli OS può essere causa di assenza dal lavoro per malattia proprio nei momenti di maggior necessità di personale, come durante l'epidemia influenzale, può essere causa di infezione per pazienti già fragili e manca di dare un esempio ai pazienti che hanno indicazione alla vaccinazione. La vaccinazione antiinfluenzale viene attivamente offerta agli OS delle strutture pubbliche, ma evidentemente sono necessari interventi aggiuntivi.
Alcuni esperti, ad esempio Susanna Esposito, coordinatrice del gruppo di studio sui vaccini della Società europea di Microbiologia clinica e Malattie infettive (ESCMID), in occasione del recente Congresso annuale della Società, tenutosi a Vienna dal 22 al 25 aprile 2017, hanno ipotizzato anche l'obbligatorietà di alcune vaccinazioni per gli OS non immuni. Si tratta forse di una soluzione estrema, ma in alcuni contesti, come reparti particolarmente a rischio, l'interesse della collettività, in questo caso dei pazienti, dovrebbe prevalere sulle posizioni dei singoli individui.

Bibliografia
  1. Piano nazionale Prevenzione vaccinale 2017-2019.
  2. Istituto superiore di Sanità. Morbillo in Italia: bollettino settimanale. Aggiornamento del 28 giugno 2017.
  3. Bonaccorsi G et al. Beliefs and opinions of healthcare workers and students regarding influenza vaccination in Tuscany, Central Italy. Vaccines 2015, 3, 137-147.
  4. Silvi G et al. La vaccinazione antiinfluenzale tra gli operatori dell'ex AUSL di Ravenna, anno 2010: studio pilota. Not Ist Super Sanità 2013; 26(5):iii-iv.
  5. Susanna Esposito. Healthcare workers and vaccinations. https://www.youtube.com/watch?v=NiK57NZN7h4

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana