Area riservata | Dove siamo | Mappa del sito | Contatti | Webmail | Accessibilità |

News

Uso del latte materno e umano donato nei neonati gravi pretermine in Toscana: archivio TIN online



allattamento11/10/2017
La presenza in Toscana di una rete di 6 Banche del latte umano donato permette anche ai neonati gravi pretermine (nati prima delle 32 settimane di età gestazionale) o di peso molto basso (<1.500 grammi) di potere essere alimentati con latte umano nei primissimi giorni di vita.

Questo il risultato principale di uno studio osservazionale, reso possibile in Toscana dalla presenza di un archivio online a cui partecipano gli operatori sanitari di tutte le Terapie intensive neonatali (TIN) e Neonatologie della regione. In un articolo pubblicato sul Bollettino epidemiologico dell'Istituto superiore di Sanità sono riportati i dati su 920 neonati registrati in TIN toscane online negli anni 2012-14.

L'inizio della nutrizione per via enterale avviene, per la grande maggioranza di questi neonati, nel primo giorno di vita, grazie anche al latte umano donato che rappresenta la fonte di nutrimento per il 66,9% dei nati.
La letteratura concorda sul fatto che essere alimentati precocemente con latte umano è protettivo nel confronto di infezioni gravi e gravi patologie, come l'enterite necrotizzante, e facilita il raggiungimento più precoce della nutrizione completa per via enterale, cosa che avviene anche nei neonati toscani di TIN toscane online.
D'altra parte lo studio dimostra anche come l'utilizzo precoce del latte umano donato non precluda (anzi) l'inizio dell'allattamento materno nei giorni successivi, quando mamma e neonato hanno raggiunto una migliore stabilizzazione delle condizioni cliniche.
Al raggiungimento della nutrizione enterale completa, la prevalenza di allattamento esclusivo è del 77,8%: latte materno (36,4%), latte umano donato (26,4%) e latte materno più umano donato (15%).
Alla dimissione, quando il latte di banca non è più disponibile, il 27,4% dei neonati è allattato esclusivamente con latte materno e il 34,9% in maniera complementare (latte materno + formula adattata), con prevalenze simili a quelle di altre realtà italiane e migliori di quelle di Francia e Regno unito.
I neonati gravi pretermine rappresentano una piccola quota dei nati (intorno all'1,5%) gravata da un'altissima mortalità e morbilità: è importante quindi la messa in atto di azioni di miglioramento delle cure e il loro monitoraggio.


Per approfondire: